Senza categoria > Quinta giornata di campionato: Atletico Messina-Pompei:0-0

Quinta giornata di campionato: Atletico Messina-Pompei:0-0

Un Atletico ancora falciato dalle assenze, non può far altro che accontentarsi di un punto, in una sfida giocata ad armi parmi contro un avversario apparso più in forma. Al solito grande solidità difensiva, ma poco estro li davanti, nonostante il concomitante rientro dal primo minuto di Nicocia e Bonanno. Ci ha provato l’Atletico, soprattutto grazie alle conclusioni da fuori.Ma alla fine ha rischiato anche di perdere. Al 93′ sarebbe stata una doccia gelata il gol dal dischetto di De Tommasi. Arriva fortunatamente la respinta di La Fauci. Ma ciò che più fa sorridere in casa bianco-azzurra è la prestazione: un passo notevolmente in avanti, rispetto alla prova incolore di una settimana fa. Più grinta, più voglia di lottare. Con cosi tante assenze fare bottino pieno avrebbe avuto i contorni di un’impresa:visto come è andata, ci si può accontentare anche cosi.

La cronaca
Dalla lista degli assenti, vengono depennati Nicocia e Bonanno, che Zoccoli con un colpo di coda riesce a recuperare dal primo minuto. Rispetto alla scorsa gara però, si aggiungono le squalifiche di Vinci e Paludetti e l’assenza di Amato. Tre quarti della zona offensiva deve essere quindi rivista: coppia offensiva inedita per questa stagione, con Tavani e Bonanno che formano nuovamente il duo protagonista di gran parte della cavalcata dello scorso anno. A centrocampo, linea mediana con Galletta e Ghartey, fiducia a Marchetta a destra, con Nicocia a sinistra. Difesa che vede un volto nuovo, Riggio. Prima panchina stagionale per Quattrone e prima volta che Zoccoli non si affida ai collaudati 4:Insana,Milazzo e Mascaro confermati. La Fauci a difendere la porta. L’importante cornice di pubblico, fa capire come questa sia una sfida d’alta classifica, nonostante nessuna delle due compagini abbia fino ad oggi dimostrato il suo reale valore. Al 5′ è già prima occasione:dalla distanza ci prova Ghartey. La sua conclusione pecca di precisione e si spegne sul fondo.Già dalle prime battute però, si inutisce la buona voglia dei padroni di casa, di invertire la rotta rispetto alla trasferta di Santa Teresa. La partita, nonostante ciò, non vive di particolari emozioni. Le due squadre provano a studiarsi e l’Atletico prova ad abituarsi al gioco in profondità, poco sfruttato nelle prime giornate.Bonanno chiama spesso la palla dietro la linea dei difensori ospite, e la precisione di Nicocia prova a servirlo. Solo che la forma di entrambi non è sicuramente quella di un tempo: entrambi vengono da infortuni e non si allenano da più di 20 giorni. Mandarli in campo è stato un rischio, ma la panchina corta di queste ultime giornate, non poteva prevedere altrimenti. Al 34′ prima occasione per il Pompei. Giovanni Belfiore, trova il modo di farsi servire in profondità. La sua conclusione dall’interno dell’area di rigore, dopo una deviazione, si spegne in angolo. Tre minuti più tardi ci prova in risposta Nicocia. Calcia però, col piede debole e la palla si spegne alta sul fondo. La prima frazione non merita altra analisi, se non fosse per un accenno di rissa che poco prima del finale, ha portato il direttore di gara ad allungare il recupero.La seconda frazione si apre con l’iniziativa che sembra essere passata in mano agli avversari. Al 47′ Paladino difende una buona palla al limite e la scarica dietro per Zagarella. La conclusione termina sul fondo. 10 minuti più tardi arriva la palla gol più nitida di tutta la partita. Un lancio di Paladino in area di rigore, libera Belfiore. Lo spalla-spalla con Riggio è vinto dall’avanti ospite, che trova anche il modo, in scivolata, di battere a rete sull’uscita di La Fauci. La sfera però, termina di un soffio larga alla destra del numero 1 di casa. Sembra il preludio ad un dominio, ma si traduce in un fuoco di paglia. Da li in poi la partita tende a spegnersi. Zoccoli inizia la girandola di cambi, per assicurare freschezza alla manovra. Il primo ad usicre è Marchetta, al posto del quale entra Quattrone ,schierato nell’inedita posizione di ala. Passa poco e tocca a Milazzo uscire: come se non bastassero già le defezioni, si aggiunge anche quella del centrale difensivo, che dopo lo scontro con De Tommasi, resta a terra e per lui c’è bisogno del cambio. Da valutare le sue condizioni per la trasferta di Sant’Alessio. Al suo posto Postorino, che sarà decisivo nel finale. Le condizioni poco positive di Tavani, lo costringono anzitempo ad abbandonare il terreno di gioco. Al suo posto esordisce Papale. Una partita che stava per terminare senza alcun acuto, si trasforma in un quasi incubo per i bianco-azzurri. Al terzo dei 4′ di recupero, Paladino cade in area abbracciato da Postorino. Per il direttore di gara, è calcio di rigore.Poche le proteste in casa Atletico: la decisione dell’arbitro in questo caso, è sembrata corretta.Dal dischetto De Tommasi si fa ipnotizzare da un autentico para rigori come La Fauci. Per lui si tratta del secondo penalty di fila respinto dopo quello contro la Dominus (che potrebbe essere valutato doppio, visto che in quel caso è stato fatto ripetere, dopo l’iniziale parata di La Fauci). Termina cosi con un buon pari la sfida del “N.Bonanno”. La prestazione di oggi permette una riflessione: se consideriamo i rientri di qualche big, giocando con questo spirito non c’è da preoccuparsi per risalire la classifica. La squadra ha risposto bene agli stimoli settimanali di Zoccoli, dimostrando di voler rialzare la china. Dal basso può ripartire una rimonta simile a quella della scorsa stagione, quando alla quinta giornata la classifica diceva -1. Dalla sesta giornata, con quella vittoria simbolo contro il Fiumedinisi, è iniziata la rinascita bianco-azzurra. Segnali positivi in vista della trasferta di settimana prossima in quel di Sant’Alessio.

Il Tabellino
Atletico Messina-Pompei:0-0

Atletico Messina:La Fauci, Riggio,Insana,Galletta,Mascaro,Milazzo(67’Postorino) ,Nicocia(vk) ,Ghartey, Tavani(71’Papale) ,Bonanno(K), Marchetta(54’Quattrone).
A disposizione:Mazzullo,Costa,Scavello.
All.Fabio Zoccoli.

Pompei:Faranda,De Salvo, Tuttobene, Ardizzone, Mazzeo, Belfiore(87’D’Agati), Romeo, De Tommasi (vk), Molonia (K)(71’Barrile), Zagarella, Paladino.
A disposizione:Russo, Rizzo, Scotto, Lauritano, Puglisi.
All.Francesco Boemi.