Senza categoria > Ricomincia il campionato dopo la pausa natalizia

Ricomincia il campionato dopo la pausa natalizia

Bruttisima la diciassettesima di campionato per le squadre siciliane. Il Palermo sconfitto in casa 1 a 3 contro il Napoli, mentre a Bologna il Catania viene battuto 2 – 0.
Ricomincia davvero male il campionato di serie A che si era fermato per la pausa natalizia e le due squadre siciliane perdono.
[b]PALERMO – NAPOLI: 1-3[/b]
Il Derby del Sud chiude la 17° giornata di Serie A, la terz’ultima del girone d’andata, la prima del 2012. Allo stadio “Barbera” di Palermo si sfidano due autentiche realtà del campionato italiano, due regine del calcio meridionale come la squadra rosanero, guidata da Bortolo Mutti (alla sua “prima” in casa), ed il collettivo partenopeo allenato da Walter Mazzarri. Entrambe le compagini vorrebbero cominciare bene l’anno ma soltanto una potrebbe raccogliere l’intera posta in palio. Il mercato di gennaio contribuisce ad infiammare questo Derby delle due Sicilie: nel Palermo Vazsquez parte titolare mentre nel Napoli il cileno Vargas osserverà i suoi compagni dalla tribuna in attesa di prendere confidenza con lo spogliatoio azzurro. Tra i rosanero, in panchina, siede anche il neo-arrivato Mehmeti, attaccante svedese ma anche tra gli ospiti c’è una novità, ovvero il ritorno di Britos alla sua prima convocazione ufficiale.

[b]BOLOGNA CATANIA: 2-0[/b]
Vincenzo Montella, tecnico degli etnei, analizza la partita persa per 2-0 a Bologna: “Abbiamo disputato la nostra peggior partita stagionale, interpretandola in modo pessimo, ma non voglio farne un dramma, credo sia un solo episodio. Il Bologna ha messo in campo più continuità ed era decisamente più presente. Probabilmente non sono stato bravo a trasmettere la giusta determinazione, ci serva da lezione, perché per fare risultato non si può sbagliare approccio”. Il Catania sarà impegnato sabato 14 gennaio, alle ore 20.45, nella gara casalinga contro la Roma. Suazo intanto torna a disposizione di mister Montella, mentre lavorano ancora a parte Delvecchio e Lanzafame.