Senza categoria > Le siciliane sconfitte

Le siciliane sconfitte

Triste giornata sportiva per le due squadre siciliane che perdono terreno e posizioni in classifica. Le tre settimane di pausa hanno inciso sulla brillantezza degli uomini del Palermo, ed anche se i Catanesi hanno giocato una partita contro il Chievo davvero “agguerrita” e dove probabilmente meritavano di vincere.
[b]JUVENTUS – PALERMO: 3-0[/b]
La Juventus parte subito arrembante con un pressing asfissiante che mette in grossa difficoltĂ  il centrocampo rosanero. Le occasioni cominciano ad arrivare molto presto, Marchisio calcia dal limite, dopo l’uscita di Tzorvas, ma manda a lato. Per la difesa del Palermo non è semplice gestire l’offensiva bianconera, soprattutto sulla fascia destra, dove Lichtsteiner e Pepe fanno quello che vogliono.
Nel momento migliore dei rosanero è la Juventus a sfiorare il raddoppio, palla filtrante stupenda per Pirlo, che al limite dell’area conclude a giro colpendo un palo clamoroso. Nel finale ancora Palermo vicino al pareggio, su un’altra situazione di contropiede Miccoli lancia Ilicic, lo sloveno si prepara e calcia a giro, grande respinta di Buffon che manda in angolo. Si chiude un bel primo tempo con la Juventus in vantaggio 1-0, ma la partita è apertissima.
Al 3′ minuto del secondo tempo esatto arriva il gol del 2-0 juventino: palla filtrante di Lichtsteiner che trova Matri, l’attaccante passa alle spalle dei centrali rosanero e batte Tzorvas con una conclusione precisa sotto le gambe.
Ma la partita non cambia, la Juventus continua ad insistere, gli inserimenti di Marchisio sono una vera e propria spina nel fianco per il Palermo, proprio da un suo inserimento arriva il gol del 3-0.

[b]CATANIA – CHIEVO: 1-2[/b]
I rossazzurri, diciamolo subito, per mole di gioco e occasioni prodotte, avrebbero meritato addirittura di vincere; il fatto stesso che Sorrentino, portiere clivense, sia risultato il migliore in campo, la dice lunga. Tuttavia, pare necessario andare oltre l’evidenza della gara, oltre la dose di sfortuna che ha condotto Montella e soci alla sconfitta, ne parleremo fra qualche rigo. Dobbiamo, piuttosto, analizzare i numeri delle prime 11 partite. Il Catania, malgrado il passo falso odierno, si attesta (14) più o meno a metà classifica, a 6 punti dal terz’ultimo posto, in piena linea rispetto agli obiettivi prefissati a inizio stagione. Inoltre, ha conseguito risultati importanti nei match giocati contro grandi squadre, siglando 13 reti totali, segno di bel gioco e buone attitudini offensive. Complessivamente, quindi, un trend positivo che non può che essere rimarcato.