Senza categoria > Saldi estivi al via da sabato 2 Luglio

Saldi estivi al via da sabato 2 Luglio

I saldi estivi che prenderanno in tutta la Sicilia il via il prossimo 2 luglio faranno registrare un calo degli acquisti rispetto all’anno scorso.
Infatti per questa stagione √® prevista una flessione delle vendite del 15-20% rispetto all’anno 2010.
Il Codacons ha stilato un decalogo per acquistare in sicurezza.
1. Conservate sempre lo scontrino: non √® vero che i capi in svendita non si possono sostituire. Il negoziante √® obbligato a sostituire l’articolo difettoso anche se dichiara che i capi in saldo non si possono cambiare. Ma la grande novit√† √® che non c’√® pi√Ļ bisogno di denunziare “i vizi al venditore entro otto giorni dalla scoperta”. Il D.lgs n. 24/2002 ha stabilito, infatti, che il consumatore deve denunciare “al venditore il difetto di conformit√† entro il termine di due mesi dalla data della scoperta”.

2. Le vendite devono essere realmente di fine stagione: la merce posta in vendita sotto la voce “Saldo” deve essere l’avanzo di quella della stagione che sta finendo e non fondo di magazzino.

3. Non fermatevi mai al primo negozio che propone sconti ma confrontate i prezzi con quelli esposti in altri esercizi.

4. Cercate di avere le idee chiare sulle spese da fare prima di entrare in negozio: sarete meno influenzabili dal negoziante.

5. Diffidate degli sconti superiori al 50%, spesso nascondono merce non proprio nuova, o prezzi vecchi falsi.

6. Servitevi preferibilmente nei negozi di fiducia o acquistate merce della quale conoscete già il prezzo.

7. Ricordate che sulla merce è obbligatorio il cartellino che indica il vecchio prezzo, quello nuovo ed il valore percentuale dello sconto applicato.

8. Diffidare dei capi di abbigliamento che possono essere solo guardati e non provati.

9. Nei negozi che espongono in vetrina l’adesivo della carta di credito o del bancomat, il commerciante √® obbligato ad accettare queste forme di pagamento.

10. Se pensate di avere preso una fregatura rivolgetevi al Codacons, oppure al Comune.