Senza categoria > Dopo Capodanno Taormina va in vacanza

Dopo Capodanno Taormina va in vacanza

Taormina chiude dopo Capodanno. Non è una boutade. “La maggior parte degli alberghi, nella cosiddetta ‘Perla dello Jonio’, soprattutto quelli di categoria superiore sono chiusi per mancanza di richieste e lo rimarranno fino a Pasqua”. L’affermazione è del vice presidente di Federalberghi Sicilia, Nicolò Farruggio.
La chiusura riguarda soprattutto le strutture di quattro e cinque stelle, incapaci quest’anno di intercettare il flusso turistico più prestigioso. Compreso il celebre “San Domenico”. L’hotel di lusso, unico come l’atmosfera di charme che vi si respira, è stato fin qui un’isola felicissima in una cittadina felice.

Nella sua storia, come sottolinea lo stesso Farruggio, non ha mai chiuso i battenti durante il periodo invernale.

In alcuni alberghi i gestori approfitteranno della sospensione della ricettività per realizzare lavori di manutenzione. “Ciò provocherà anche – secondo la Federalberghi – un risvolto negativo sui livelli occupazionali con la maggior parte del personale che rimarrà disoccupata per tre mesi”.

“Le cause di questa crisi sono soprattutto – aggiunge Farruggio – la mancanza di presenze anche di un certo livello. Mancano i cosiddetti vip, che hanno preferito altre mete”.

La situazione è delineata anche dall’ultimo rapporto pubblicato da Bankitalia nel 2010: per il terzo anno consecutivo risultano sempre meno i turisti che scelgono la Sicilia. Nei primi sei mesi dell’anno i turisti italiani, che hanno scelto l’Isola come residenza temporanea, hanno speso 175 milioni di euro, 36 mln in meno rispetto al primo semestre 2009 (211 mln).

In questo senso, la Sicilia ha fatto peggio di tutte le altre regioni del Sud, con la Campania che addirittura segna un aumento dei pernottamenti (+900 mila); anche il dato medio del Meridionale, più le due isole, è in crescita di quasi 600 mila pernottamenti. In diminuzione anche i pernottamenti degli stranieri in visita in Sicilia, 5 milioni contro 5,3 milioni, la maggior parte arriva per vacanza (2,3 milioni, 2,1 mln nel 2009).