Senza categoria > Ad Acireale la festa di San Sebastiano

Ad Acireale la festa di San Sebastiano

In questo giorno Acireale avrebbe dovuto rende omaggio al suo Compatrono, San Sebastiano ma a causa del cattivo tempo l’uscita del santo prevista è stata rinviata a domenica 25 gennaio. La fede religiosa per il Santo Martire nella Città di Aci e Galatea si perde nella notte dei tempi, ed è un appuntamento ricco di fede e folclore da non perdere.
L’epidemia della peste del 1466, che investì il territorio, è all’origine del culto del martire, ormai collettivamente considerato colui che scaccia la peste. La popolazione Acese rimase quasi immune dal contagio e si ringraziò il Santo per questo.

La festa inizia fin dalle quattro del mattino quando nelle strade davanti alla Basilica già si vedono i fedeli di San Sebastiano. Si riconoscono subito perché si cingono con una fascia, a simbolo della purezza a cui amano aspirare; portano un maglione del colore della pelle, per apparire con il dorso nudo come il Santo, bordato di rosso per perpetuare il ricordo del martirio affrontato con coraggio dall’amato compatrono.