Senza categoria > Sciare al buio con gli angeli della neve

Sciare al buio con gli angeli della neve

Alla Provincia regionale di Catania √® stato presentato il progetto “Sciare al buio con gli angeli della neve” sull’Etna.
Poter praticare uno sport difficile e avventuroso come lo sci anche con un handicap grave come la cecità è stato considerato per anni solo un sogno.
Ora invece si pu√≤, con il progetto ‚ÄúSciare al buio con gli angeli della neve‚ÄĚ, organizzato dall’ ‚ÄúAssociazione disabili visivi‚ÄĚ con il patrocinio dell’Amministrazione Lombardo, l’autorizzazione del Ministero dell’Interno e il sostegno dei gruppi sportivi e alpini delle Forze dell’ordine.
La Provincia di Catania √® sempre stata attenta alle tematiche sociali dei diversamente abili. Lo dimostrano le tante iniziative realizzate, come il sostegno scolastico con i libri per non vedenti, l’allestimento di un museo tattile, le ceramiche di Caltagirone create con il linguaggio Braille.
Dal 1984 ad oggi, l’Associazione disabili visivi ha organizzato 25 settimane bianche per sciatori non vedenti e ipovedenti e le ultime 22 edizioni si sono svolte sulle Dolomiti, in provincia di Belluno. I non vedenti e ipovedenti che vi hanno partecipato sono stati 80, di et√† compresa tra i 9 e i 70 anni, alcuni dei quali nuovi a questa disciplina sportiva. L’obiettivo √® soprattutto quello di far raggiungere la massima autonomia al diversamente abile.
La manifestazione di quest’anno che si svolge sulle nevi dell’Etna, ha visto un programma di due giornate sabato 16 sabato a Nicolosi, sul versante Sud; quello domenica 17, a Linguaglossa, sul versante Nord.
Sotto il profilo pratico, i discesisti non vedenti pi√Ļ esperti, amano avventurarsi sulle piste con piccole radio ricetrasmittenti, che consentono alla voce della guida di raggiungere sempre e in qualunque circostanza lo sciatore; gli altri, meno esperti, preferiscono invece farsi precedere dalla guida, che in questo caso impartisce comandi e suggerimenti attraverso un altoparlante che porta dietro le spalle. I discesisti ciechi indossano sempre un apposito pettorale giallo con dischi neri e per questo le autorit√† auspicano che molto presto anche in Italia, oltre che in Europa, tutti gli sportivi possano essere in grado di riconoscere uno sciatore non vedente grazie al tipo di abbigliamento.