Musica > Decabox – Fingere che tutto sia (Radio Date: 09-06-2014)

Decabox – Fingere che tutto sia (Radio Date: 09-06-2014)

Fingere che tutto sia è il nuovo singolo radiofonico della rock band milanese dei Decabox disponibile nel circuito radiofonico su piattaforme Earone ed Airplay dal 9 giugno. Il brano è incluso nel nuovo album intitolato #dissocialnetwork (Vrec), il secondo del quartetto lombardo.

Fingere che tutto sia «è una rock ballad sull’apatia più sfrenata dell’essere umano che riesce a vivere le giornate in modo arrendevole senza passioni e slanci verso il futuro».

I Decabox continuano sul filone della provocazione sociale del precedente disco L’uomo biodegradabile con una disanima spietata di come i social network provochino dissociazione dalla realtà, filtrata dai commenti su internet, non vissuta nella vita sociale reale, amplificando paure, disagi, ansie e solitudini.

Emblematico il videoclip realizzato dal regista Luca Adami per Luca’s Frame: un cortometraggio dove l’incontro tra un ragazzo ed una ragazza, filtrato da internet e dalla morbosa ricerca di informazioni su Facebook, scaturisce in un rapporto malato, al limite della legalità, fino al finale a sorpresa. Il video è ricco di riferimenti e spunti subliminali: alcune immagini dal film Dracula, analogia con lo stalker, una sorta di vampiro contemporaneo che ti succhia la vita digitale; gli opposti del cane e del gatto, il veleno finale in un atto shakesperiano, un brindisi d’amore ed allo stesso tempo di morte. La color correction virata verso il verde rimanda a Matrix ed alla virtualità.

#dissocialnetwork è un album intenso, magistralmente prodotto da Pietro Foresti, ricco di messaggi, sfumature e colpi di scena che avvolge l’ascoltatore fin dall’inizio portandolo in un immaginario dove i Decabox a tratti accarezzano con dolcezza e poesia per poi scaraventarti addosso il rock sanguigno e tirato che li rende imperdibili nelle occasioni live.

Cenni biografici/ I Decabox nascono nell’hinterland milanese e sono Davide “Rive” Rivetta (voce e chitarra), Jacopo Giuliano (basso e cori), Claudio Rubicondo (chitarra e cori) e Dario Borsati (batteria). “L’uomo biodegradabile” (2011) è il titolo dell’album di debutto della band, 9 tracce rock cantate in italiano, con la produzione artistica di Frank Altare (Madeleine) ed Olaf Busolini come produttore esecutivo. Il disco viene presentato in diverse occasioni live ma ben presto la band si ritrova già in studio a lavorare sui nuovi brani con il produttore Pietro Foresti. Ad inizio 2014 esce il singolo “A-Distorta” che anticipa il disco #dissocialnetwork previsto per Maggio 2014 da cui è estratto anche il singolo e video “Fingere che tutto sia”.