Musica > Slick Steve & The Gangsters – Lazy Eyed Clown (Radio Date: 13-01-2014)

Slick Steve & The Gangsters – Lazy Eyed Clown (Radio Date: 13-01-2014)

Quartetto esplosivo formato nel 2011 a Brescia. L’idea è nata da Slick Steve (alias Stephen Hogan),
cantante e showman madrelingua inglese e Alle B.Goode, giovane e talentuoso chitarrista
riconoscibile per il suo stile Rock’n Roll. A sostenere la sezione ritmica si sono aggiunti in seguito due
abili artisti bresciani: Michele Zuccarelli Gennasi (batteria) e Pietro Ettore Gozzini (contrabbasso).
Il progetto è basato su una consapevole contaminazione artistica tra sonorità vintage e moderne,
Swing, Rock’n Roll, Rhythm’n Blues e performance circensi, che spaziano dalla magia alla giocoleria.
L’ asso nella manica del gruppo è lo spettacolo dal vivo, che riesce a trasformare un evento musicale
in un vero e proprio “show” d’altri tempi!
Nota importante nell’attività della band è la collaborazione attiva con gli artisti di “Stilemio”, Circolo
Culturale Itinerante che gestisce la parte foto, video e grafica del gruppo.

Quest’album non ha titolo, o meglio, come opera prima porta il nome della band. A dare inizio alle
danze, una parata circense accompagna l’ascoltatore in un mondo bipolare, che unisce il raffinato al
grottesco, Swing patinati a sperimentazioni intraprendenti.
Le sonoritĂ  sono genuine, pure e sincere. Aiutano a proiettare chi ascolta il disco nei luoghi descritti
dai vari brani: a volte si corre disperatamente in un deserto, altre ci si fa cullare dal mare di un’isola
tropicale per poi essere catapultati in un circo o in una vecchia stanza d’albergo. I testi sono
fantasiosi, a volte iperdescrittivi, contraddistinti dalla passione del cantante per le arti magiche e
circensi. La musica è un matrimonio tra diversi stili, ma per lo più focalizzata verso lo Swing, il
Rhythm’n Blues e il Rock’n Roll.
Non bisogna stupirsi se ritmi ossessivi, lasciano inspiegabilmente spazio a giri di valzer o se nel
disco si passa da toni cupi a scherzosi in un batter d’occhio, perché questa, apparente, doppia
personalitĂ  del gruppo, in realtĂ  rivela grande coesione ed affiatamento. Uno stile ben definito. Lo
stile unico di Slick Steve and the Gangsters.
ll concept grafico dell’album è stato affidato a “Stilemio”, un circolo culturale di artisti itineranti, con il
quale la band collabora da sempre anche nella realizzazione di materiale video, fotografico e
cortometraggi.
Il disco è stato registrato, mixato e masterizzato negli studi della “Go Down Records” di Savignano
sul Rubicone da Alfredo “Epi” Gentili. Il progetto vanta anche due “ospiti”: in Strait Jacket Swing, come
voce nel ritornello, è stato chiamato l’amico Andy Mcfarlane (chitarrista e cantante dei Rock’n Roll
Kamikazes), mentre Liberty bell March, primo brano del disco, è stato arrangiato, suonato e
registrato in Inghilterra da David Hogan, cugino di Slick Steve. Fondamentale è stato l’intervento di
Carlo Poddighe per la registrazione della voce principale in tre brani contenuti nel disco.