Musica > Il Genio – Amore di massa (Radio Date: 19-04-2013)

Il Genio – Amore di massa (Radio Date: 19-04-2013)

Il Genio si forma nei primi mesi del 2007 quando Gianluca De Rubertis (giĂ  tastierista degli Studiodavoli) e Alessandra Contini decidono di dare voce alle loro canzoni composte al pc, focolare domestico del nuovo millennio.

Nel 2008 esce il primo album. L’atmosfera dell’album si presenta ironica e sensuale, elegante ma ammiccante al punk, suffragata da testi incisivi e mai banali. Il Genio suona electro-pop attraversando atmosfere retrò cantate in italiano e francese, sfugge linee rette attraverso spirali cariche di sensuali suggestioni e di ironici equilibrismi. I tracciati sonori sono di immediato accesso, ma, al tempo stesso, ricercati ed eleganti, in bilico tra gli chansonniers français, l’attuale melodia di gruppi come i Blonde Redhead e l’ironia degli Stereo Total.

Il Genio inizia a macinare i primi successi, anche grazie all’enorme curiosità destata dal singolo “Pop porno”: un fitto calendario di date live, l’ottimo riscontro da parte delle riviste specializzate e la promozione sul web e sulle radio. Anche il secondo album, che esce nel 2010, conferma Il Genio come uno dei gruppi rivelazione degli ultimi anni e li riporta in tour a spasso per la penisola italiana per tutto il 2011.

Nei primi mesi del 2012 Il Genio comincia a provinare i brani del terzo album. Nel frattempo Gianluca De Rubertis esce con un suo album solista “Autoritratti con oggetti”. Tra ottobre e novembre Il Genio entra in studio per registrare il terzo album. Nello stesso periodo Alessandra e Gianluca incontrano Ilario Drago, chairman della EGO, con il quale scelgono di percorrere la loro nuova avventura discografica. Il nuovo album uscirà ad aprile. Ad aprire le danze sarà il nuovo singolo “Amore di Massa”.

“Amore di Massa” canta del tentativo di elevarsi a un amore superiore. Un amore universale. Un ricongiungersi platonico di tutte le metà. Fare l’occhiolino a Eros, la forza vitale che governa tutto.

Amare tutti però non si può. Peccato. Sarebbe così bello un amore di massa. Travolgente, dolce, caldo, accogliente, cosmico. Il sogno di un amore superiore. L’immagine di un universo di “Amore di Massa” che si espande. Un big bang, un uovo cosmico da cui si sprigionano galassie, quasar luminosi, supernove che esplodono piene di amore.

In “Amore di Massa” ritornano sonorità accattivanti, l’elettronica un po’ retrò, le influenze indie rock e quelle dei grandi cantautori francesi, le atmosfere un po’ stralunate.

Amare tutti non si può. Ma ci si può sempre provare. Godendosi il singolo mentre si aspetta l’uscita dell’album…