Musica > Jacopo Ratini – Sei distante (Radio Date: 29-06-2012)

Jacopo Ratini – Sei distante (Radio Date: 29-06-2012)

Jacopo Ratini ritorna a distanza di quasi due anni dall’ultimo lavoro discografico (“Ho Fatto i soldi facili” ) con il nuovo singolo “Sei Distante” in radio a partire da venerdì 29 giugno.

“Sei Distante” è un brano che segna un’evoluzione nel suo percorso artistico: una sonorità più ricercata e un sound, pop, ancora più marcato. La canzone ha come tema la teoria “in amore vince chi fugge”. E Jacopo la racconta attraverso la storia di un ragazzo che s’innamora di una donna dal carattere schivo e sfuggente.

Una relazione che fa vivere il protagonista in una costante sensazione di distanza fisica ed emotiva che da un lato lo affligge ma dall’altro lo attrae a lei in maniera ancora più forte e intesa.

Il brano sarà accompagnato dal Videoclip, scritto e ideato dallo stesso Ratini, che uscirà insieme al singolo. Il video non ha una correlazione diretta con il tema della canzone ma s’incentra su un elemento del testo: la protagonista, infatti, è una “mela” . La domanda di fondo che si pone Ratini è: “Cosa sarebbe successo se i grandi miti legati a questa fantomatica “mela”– Newton, Biancaneve, Adamo, Eva e Guglielmo Tell – fossero vissuti nel nostro tempo? Avrebbero fatto o condotto lo stesso quelle grandi scoperte/imprese, oppure sarebbero stati distratti da altro?” Nel video, che ha un’impronta decisamente ironica, Ratini si traveste, indossando i panni di alcuni dei più noti personaggi legati alla mela (Newton, il Principe Azzurro, il figlio di Guglielmo Tell).

Il libro “Se rinasco voglio essere Yoko Ono” uscirà ad ottobre per le Edizioni Haiku (casa editrice romana). Il libro raccoglie le Poesie e i Racconti che Ratini ha pubblicato in questi mesi sul suo blog (www.jacoporatini.it) e che legge e recita durante i suoi concerti, spettacoli e reading. Le poesie e i racconti ricalcano lo stile delle sue canzoni: ironiche e spesso ciniche da un lato, riflessive e contemplative dall’altro.

Un binomio cruciale per Ratini, una doppia anima compositiva che lo accompagna in ogni suo lavoro, fin dagli esordi.