Musica > Davide Van De Sfroos – “La Machina Del Ziu Toni”. Dall’8 Luglio 2011 in radio il secondo singolo…

Davide Van De Sfroos – “La Machina Del Ziu Toni”. Dall’8 Luglio 2011 in radio il secondo singolo estratto dall’album Yanez (Pdt/Universal)

Dopo il successo ottenuto alla 61^ edizione del Festival di Sanremo nella sezione “Artisti” con “YANEZ”, un brano scritto e cantato in dialetto tremezzino, dall’8 luglio in radio il secondo singolo estratto dall’album Yanez (più di 50.000 copie vendute) di DAVIDE VAN DE SFROOS “La machina del ziu Toni”

Un “valzerock” sul filo dei ricordi, degli anni spesi ad ascoltare le cassettine in macchina prima ancora di coltivare “sogni di rock’n’roll”, dove le immaginette di Sant’Antonio e Padre Pio convivono con gli adesivi dei Rolling Stones e dei Ramones, con i Black Sabbath come colonna sonora di quelle prime innocenti evasioni. Uno sguardo al passato con gli occhi asciutti e un sorriso più saggio.

Testo de “LA MACHINA DEL ZIU TONI”

Soe la machina del ziu Toni
senza tecc né cupertòni
cul vulant che se destàca
cui cusèn de pell de vaca
parchegiaada in del fieniil
cui galèn in soel sediil
navum gio a scultà i casett
giurnalitt tutt pièe de tett
L’era un viagg immaginari
senza marce senza fari
cui Black Sabbath e la loena
sura’l tecc de la casena
sigarett e muculòtt e adesivi in soel cruscott
Sant’Antoni e i Rolling Stones
Padre Pio cunt i Ramones
Varda cume bali bee
Cunt i anfibi e la cresta
la barbeta de rasta
e i topp soel giubètt
Sunt el re della Zoca de l’oli
E che mezz alla pista me par che me basta
tutt quell che g’ho
E chissà gio in fuunt al pràa
che vita me specia
quaand verdi ‘l cancell
che strada faroo e che machina lüstra
e che cilindrada
e chi sà in soel sedil che de fiaanc chi se seterà gio
Piantaa che cumé un légn
per na’a cascia de un impégn
ho imparà a fa nà la scua
ho imparà anca a moev la cua
cagni i corni de briòsc
sura un baanc tüt tacaisc
uduu de asfalto de pelanda
de carogna de lavanda
A Pandora gh’emm rutt el vaas
el curagg gh’e l’emm in del naas
tatuagg cumè maori
ma nustalgia dell’uratori
semm i draghi del fast-food
travestii da Robin Hood
gli stregoni della bursa
architett de tuta questa farsa
Varda cume bali bee
cul vestìi della festa
tant el mund l’è una crusta
fin che podi gratàa
Varda cume giughi bée
cun i caart de la banca
cul ministro e la turta
che gh’è de taj
Femm a tocc i giurnaad cume Sushi
ma l’uduu che ghe resta l’è menga taant bonn
femm parè de vecch mila spèn
ma semm cume castegn suta i nostri paltò
Vagabondi di strisc pedunai
profeti che varden la sfera e youtube
E chissà soel sedil del zio Toni
che musica asculten
chi gh’è setàa gio
Varda cume bali bee
gli anfibi e la cresta
la barbetta de rasta
e i topp soel giubètt
Sunt el re della Zoca de l’oli
e che in mezz alla pista
me par che me basta
tutt quell che g’ho
Could you be loved
Could you be loved
TRADUZIONE
Sulla macchina di zio Toni
Senza tetto né copertoni
Col volante che si stacca
Coi cuscini di pelle di vacca
Parcheggiata nel fienile
Con le galline sul sedile
Andavamo ad ascoltare le cassette
Giornaletti pieni di tette
Era un viaggio immaginario
Senza marce e senza fari
Coi Black Sabbath e la luna
Sopra il tetto della cascina
Sigarette e moccolotti
E adesivi sul cruscotto
Sant’Antonio e i Rolling Stones
Padre Pio con i Ramones
Guarda come ballo bene
Con gli anfibi e la cresta
La barbetta da rasta
E le toppe sul giubbetto
Sono il re della Zocca dell’olio
E qui in mezzo alla pista
Mi sembra che mi basti
Tutto quello che ho
E chissà giù in fondo al prato
Che vita mi aspetta
Quando apro il cancello
Che strada farò
E che macchina lucida
E che cilindrata
E chissà sul sedile qui di fianco
Chi si sieder
Piantato qui come un legno
A caccia di impiego
Ho imparato a usare la scopa
Ho imparato anche a muovere la coda
Mordo i corni delle brioches
Sopra un banco appiccicoso
Odore di asfalto di pelanda
Di carogna di lavanda
A Pandora abbiamo rotto il vaso
Il coraggio l’abbiamo nel vaso
Tatuaggi come maori
Ma nostalgia dell’oratorio
Siamo i draghi del fast food
Travestiti da Robin Hood
Gli stregoni della borsa
Architetti di tutta questa farsa
Guarda come ballo bene
Col vestito della festa
Tanto il mondo è una crosta
Fin che posso grattare
Guarda come gioco bene
Con le carte della banca
Col ministro e la torta
Che c’è da tagliare
Facciamo a pezzetti le giornate come Sushi
Ma l’odore che ci resta non è molto buono
Facciamo credere di avere mille spine
Ma siamo come castagne sotto i nostri cappotti
Vagabondi delle strisce pedonali
Profeti che guardano la sfera e youtube
E chissà sul sedile dello zio Toni
Che musica ascoltano
Quelli che ci sono seduti
Guarda come ballo bene
con gli anfibi e la cresta
la barbetta da rasta
e le toppe sul giubbetto
Sono il re della Zocca dell’olio
e qui in mezzo alla pista
mi sembra che mi basti
tutto quello che ho.