Musica > MR BROWN FOR HAITI – MR BROWN IS BACK IN TOWN

MR BROWN FOR HAITI – MR BROWN IS BACK IN TOWN

RADIO DATE: 02.11.2010

Cosa ci fa MrBrown tra le macerie di Haiti?


Andrea Pellizzari, nei panni dello strampalato insegnante di Inglese del programma Tv Le Iene, nel maggio scorso, a 5 mesi dal sisma che ha provocato più di 230.000 vittime e 3 milioni di senzatetto, ha fatto cantare e ballare i bambini dell’Orfanotrofio N.P.H. di Haiti realizzando un brano e un videoclip dal titolo “Mr Brown Is Back In Town”con lo scopo di raccogliere fondi a favore della Fondazione Francesca Rava – N.P.H. Italia Onlus (www.nphitalia.org) che opera nel paese da molti anni, per la costruzione di una nuova Casa che accoglierà i bambini rimasti soli a seguito del terremoto.

…“We can make a better world, with a smile on your face, we can make a better world, all together”.
MrBrown



LA CANZONE
Il brano è una riedizione della popolare canzone inglese“ London Bridge” con testo adattato, in versione electro-pop prodotta e arrangiata da Sir Bob Cornelius Rifo Aka Bloody Beetroots cantata dal coro dei bambini dell’orfanotrofio di Haiti “Kay Saint Helene” e da Mr Brown.

Il VIDEOCLIP
Il video musicale è stato girato interamente ad Haiti nei luoghi maggiormente colpiti dal sisma.
Andrea Pellizzari nei panni di Mr. Brown tiene le sue lezioni tra i banchi di una scuola completamente distrutta.
La sua canzone/lezione si diffonde ovunque: dall’aula degli studenti arriva fino alle zone più povere della città provocando sorrisi e spensieratezza.
Alla fine del videoclip un piccolo MrBrown haitiano di 6 anni posa la prima pietra di quello che sarà l’orfanotrofio che verrà costruito grazie ai fondi raccolti tramite questo progetto.

Il videoclip è prodotto e realizzato dalla Angelfilm con la regia di Marco Salom e Stefano Guindani.

Il CD
Il cd, conterrà una versione della canzone in inglese, una in creolo (la lingua locale) ed il Videoclip musicale realizzato ad Haiti.
Verrà distribuito dalla casa discografica UNIVERSAL in tutti i negozi di musica e nei negozi on-line.

Il progetto beneficiario: UNA NUOVA CASA PER I BAMBINI ORFANI DEL TERREMOTO
Il terremoto il 12 gennaio 2010 è arrivato verso le cinque del pomeriggio.
La maggior parte dei bambini era ancora a scuola o appena usciti. Molti di loro sono morti e molti dei sopravvissuti hanno perso le tracce delle loro famiglie, o perso i propri genitori sotto le macerie. N.P.H., l’organizzazione umanitaria rappresentata in Italia dalla Fondazione Francesca Rava e da 22 anni presente sull’isola, da subito ha attivato un programma di soccorso ed assistenza, Angels of Light, che aiuta ogni giorno 2.500 bambini delle tendopoli che vivono in tende di fortuna o per strada, dando loro cibo, acqua, una doccia, cure mediche, scuola e supporto psicologico.
Oltre 400 dei bambini assistiti in Angels of Light sono orfani o in condizioni di disperato bisogno. A 40 di loro N.P.H. ha dato un tetto e una famiglia ampliando l’orfanotrofio N.P.H. di Kenscoff, che dal 1988 accoglie già 600 bambini; è stata presa in affitto una casa a Tabarre, la Baby House St Anne, che ha già accolto 40 bimbi da 0 a 6 anni; nelle vicinanze dell’Ospedale N.P.H. Saint Damien, su un terreno di 25.800 mq donato dall’Italia, con l’aiuto anche dei Carabinieri è stato creato il Foyer St Louis, una struttura di accoglienza temporanea modulare realizzata con containers, prefabbricati e tendoni, che ha già accolto decine di bambini, che altrimenti sarebbero stati soli vagando per le strade e le tendopoli.
Per accogliere in modo definitivo i bambini già accolti e le centinaia di bambini in attesa di entrare, Padre Rick, sacerdote e medico in prima linea, da 22 anni alla guida di N.P.H. Haiti, vuole costruire una nuova Casa orfanotrofio dove, come una grande famiglia, potranno crescere, studiare e contribuire alla rinascita del loro paese. Come tutte le Case nei paesi in cui N.P.H. è presente, avrà delle strutture comuni come la cappella, la clinica medica, le cucine e il refettorio, la scuola cui avranno accesso anche i bambini della povera comunità circostante e piccole casette in cui i piccoli studieranno e dormiranno.




I PROTAGONISTI DEL PROGETTO “MR BROWN FOR HAITI”.

- Andrea Pellizzari:
Andrea Pellizzari, uno dei protagonisti del programma televisivo Le Iene, conosciuto anche per le strampalate lezioni d’inglese nei panni di Mr. Brown.
- Sir Bob Cornelius Rifo:
Bob Rifo è il leader del gruppo di musica elettronica Bloody Beetroots. Compositore e dj di musica elettronica è molto apprezzato dai giovani di tutto il mondo.
- Marco Salom
Marco Salom è il fondatore della casa di produzione ANGELFILM, con la quale è particolarmente attivo nel settore dei video e dei live musicali, e ha collaborato in veste di produttore o regista con artisti di spicco del panorama musicale italiano e internazionale.
Sua la regia dell’ultimissimo videoclip di Ligabue “Un colpo all’anima”.
- Stefano Guindani
Stefano Guindani è da oltre vent’anni guidato da un’unica grande passione: la fotografia, nelle sue molteplici sfaccettature. Famoso per molti suoi servizi di moda il suo ultimo lavoro è stato quello di fotografare i bambini haitiani subito dopo il sisma.



LA FONDAZIONE FRANCESCA RAVA – N.P.H. ITALIA ONLUS

Mission. La Fondazione Francesca Rava aiuta l’infanzia in condizioni di disagio in Italia e nel mondo, tramite adozioni a distanza, progetti, attività di sensibilizzazione sui diritti dei bambini, volontariato e rappresenta in Italia N.P.H. – Nuestros Pequeños Hermanos (I nostri piccoli fratelli), organizzazione umanitaria internazionale, che da oltre 50 anni salva i bambini orfani e abbandonati nelle sue case orfanotrofio ed ospedali in Messico, Guatemala, Nicaragua, Honduras, El Salvador, Repubblica Dominicana, Haiti, Bolivia, Perù.

HAITI PAESE DEL QUARTO MONDO, IN EMERGENZA QUOTIDIANA
Haiti è uno dei paesi più poveri al mondo, insieme al Niger, uno degli ultimi nel ranking mondiale quanto alle condizioni dell’infanzia, statistiche di mortalità e indigenza. 8 milioni di persone, oltre l’80% vive in baracche. Il 56% della popolazione soffre di malnutrizione, 1 bambino su 3 muore prima dei cinque anni di malattie curabili, 1 su 2 non va a scuola, l’aspettativa di vita media non supera i 55 anni, l’80% della popolazione vive con meno di un dollaro al giorno, il 70% non ha lavoro, il 45% della ricchezza è nelle mani dell’1% della popolazione. Non ci sono o sono in condizioni disperate, infrastrutture, impianti fognari pubblici, distribuzione di energia elettrica, strade, ospedali.

L’IMPEGNO DELLA FONDAZIONE IN HAITI
N.P.H. è presente in Haiti da oltre 20 anni, sotto la guida di Padre Richard Frechette, americano, sacerdote e medico chirurgo, ogni giorno in prima linea nei quartieri più degradati della capitale, con numerosi progetti tutti sostenuti dalla Fondazione Francesca Rava:
– una casa orfanotrofio che accoglie 600 bambini orfani e abbandonati,
- Scuole di strada, con 6.000 bambini che ogni giorno ricevono cibo, istruzione, cure mediche e vengono sottratti a prostituzione, droga e lavoro minorile,
- un ospedale pediatrico realizzato con fondi italiani e una clinica mobile di medici e infermieri che ogni giorno si reca negli slums di Port au Prince,
- la Casa dei Piccoli Angeli, il primo Centro di Riabilitazione per bambini disabili del paese
- programmi di distribuzione alimentare e di soccorsi d’emergenza negli slums e nelle aree più colpite dalla povertà
- i nuovi progetti in corso Francisville – “città dei mestieri” e Maternità sicura.



Fondazione Francesca Rava – N.P.H. Italia Onlus
V.le E. Caldara, 43 – 20122 Milano, Italia
Tel. 02/54.12.29.17 – Fax 02/55.19.49.58
Email: info@nphitalia.org
www.nphitalia.org www.francisville.org
—————————————————————————————–
Dal 1954 N.P.H. dà Amore e un futuro a migliaia di bambini
orfani e abbandonati in America Latina. ANCHE TU puoi farlo,
“prendendo per mano uno dei nostri piccoli fratelli e sorelle”.
—————————————————————————————–

Per donare:

c/c bancario
Banca Mediolanum SpA – Ag. 1 di Basiglio (MI)
IBAN: IT 39 G 03062 34210 000000760000
BIC: MEDBITMM

c/c postale: 17775230

Dona il tuo 5×1000 indicando il codice fiscale della Fondazione: 97264070158