Good News > Il Museo Salinas di Palermo ospita l’Ariete in bronzo

Il Museo Salinas di Palermo ospita l’Ariete in bronzo

Dopo 5 anni l’ariete in bronzo sarà di nuovo visitabile al Museo Salinas di Palermo. Datato tra gli inizi e la metà del III secolo a.C., anche se recentemente si è proposta una datazione più bassa al II sec. d.C., è una delle rare grandi sculture in bronzo dell’antichità che raffigurano animali, conservate fino ai nostri giorni. Ma le sue vicissitudini sono abbastanza complesse.
In origine erano due, e se ne parla sin dal 1500. Ospiti al castello Maniace di Ortigia, furono regalati nel 1448 da re Alfonso V di Aragona a Giovanni Ventimiglia, marchese di Geraci, come ricompensa per aver soffocato la rivolta siracusana. Il marchese li portò nel suo castello a Castelbuono. Confiscati dal vicerè Gaspare de Spes, furono trasportati allo Steri, poi al Castello a Mare, dove li vide il Falzello, li disegnò Houel e li descrisse Goethe. Durante i moti del 1848, una delle due statue fu colpita da una cannonata. “Ariete”, dunque, ne resta uno solo, bellissimo e raro, ed è proprio questo quello che potrà essere ammirato al museo palermitano, nell’ambito dell’iniziativa curata dal Museo Civico di Castelbuono.