Good News > 86 studenti di architettura “rigenerano” i quartieri dimenticati di Enna

86 studenti di architettura “rigenerano” i quartieri dimenticati di Enna

Sabato 12 marzo, a Enna, dalle 8 a mezzanotte 86 studenti universitari internazionali daranno vita a 10 installazioni effimere, realizzate con materiali recuperati/riciclati/riutilizzati. Si comincerà a lavorare dalle prime ore del mattino e, con i “quasi-architetti”, si rimboccheranno le maniche anche i residenti, trenta associazioni del territorio, un gruppo di artisti del Farm Cultural Park di Favara, i designer di G2 Lab e personale e l’amministrazione del Comune di Enna. Dalle 18 i quartieri si animeranno con musica live, danze, cortei e reading letterari. Il progetto, realizzato dall’Università Kore (Facoltà di Ingegneria e Architettura) è già stato selezionato dalla Biennale d’Architettura di Venezia (maggio-novembre 2016), dove sarà presentato ufficialmente nei prossimi mesi durante un seminario. Riuniti nel centro della Sicilia da lunedì scorso nell’ambito della Kiwis 2016, (Kore International Winter School: Spaces for the Real Life), sono infatti 86 studenti di architettura provenienti da cinque nazioni euromediterrenee: 66 gli ospiti giunti dalle università di Spagna, Olanda, Libano, Egitto e Oman e dai due atenei di Napoli. Gli altri 20 frequentano la Kore di Enna. I siti oggetto della rigenerazione urbana sono le aree fra il Castello e la Rocca, Valverde, Pisciotto/Villa Farina, S. Bartolomeo-Spirito Santo, le Antenne, lo stadio, ex Macello, Tribunale, Cimitero e Belvedere.