Good News > MESSINA – Sabato 26 la XVII edizione del concerto di Natale “Notte disiata”

MESSINA – Sabato 26 la XVII edizione del concerto di Natale “Notte disiata”

“Versi, suoni e canti del Natale nella tradizione colta e popolare” saranno l’offerta poetico-musicale di “Notti disiata”, in programma sabato 26 nella chiesa di S. Caterina V. M., suggestivo momento musicale giunto alla XVII edizione, proposto dall’associazione culturale KIKLOS per il Museo della Cultura e Musica Popolare dei Peloritani. Ad aprire la serata l’antico suono della Novena, con la partecipazione di un nutrito e rappresentativo gruppo di ciaramiddara peloritani; poi i versi popolari con la partecipazione del poeta popolare ibbisoto Pippo Bonaccorso e dell’attore Livio Bisignano, impegnato nella lettura di testi poetici, anche contemporanei; Etnikantu, compagnia di musiche migranti, costituita da un gruppo di giovani musicisti guiderĂ  gli spettatori nei territori tra tradizione ed innovazione; a stabilire i legami con i canti di novena tradizionali, ancora oggi eseguiti in molti centri della nostra provincia, il coro parrocchiale “S. Maria Assunta” di Gallodoro, guidato da Annalisa Ardizzone, con la partecipazione al violoncello di Antonio Pizzi. A rimarcare l’antica e nobile origine delle “pastorali” ci sarĂ  Diego Cannizzaro, sia all’organo della chiesa (lo storico “Tamburini”) che al rarissimo “portativo”, avvalendosi della partecipazione nel ruolo di solista di Gemino CalĂ , al flauto di canna, e di Ferdinando Cannizzaro, alla chitarra. Un’offerta musicale davvero preziosa sarĂ  quella dell’Ensemble dell’Orchestra a plettro “CittĂ  di Taormina”, che esalterĂ  con accenti virtuosistici una forma strumentale da sempre oscillante tra oralitĂ  e scrittura. L’Ensemble Barocco di Messina, complesso d’archi stabile di “Notti disiata”, diretto da Antero Arena, proporrĂ  le piĂą classiche arie del Natale, con la partecipazione solistica di Andreina Drago (mezzosoprano), di Michele Saccone (fagotto) ed ancora di Gemino CalĂ  (zampogna a paro e flauto di canna). Il gran finale sarĂ  affidato al Niketess Brass, quintetto di ottoni, diretto da Giuseppe Ruggeri (tromba), con la proposta di temi musicali natalizi tra passato e presente. La guida all’ascolto sarĂ  di Mario Sarica.