Good News > Il Distretto Taormina Etna fissa i prossimi obiettivi

Il Distretto Taormina Etna fissa i prossimi obiettivi

Il Distretto Taormina Etna festeggia i suoi quindici anni di attività annunciando una serie di nuovi progetti futuri per un importo totale stimato di 13 milioni di euro. In occasione del convegno organizzato a Sant’Alessio Siculo, all’Hotel Capo dei Greci a cui hanno partecipato i vertici del Distretto e i rappresentanti delle istituzioni regionali della Sicilia, tra cui Anthony Barbagallo, assessore regionale al Turismo, non solo è stato tracciato il bilancio, ma anche e soprattutto annunciato i suoi obiettivi futuri.

“Il Distretto Taormina Etna ha raggiunto risultati molto importanti fino ad ora grazie all’impegno della classe dirigente etnea e quindi ne va dato atto – ha sottolineato Barbagallo -. Ora bisogna lavorare sempre di più per raggiungere obiettivi quali la tutela dei sette siti Unesco nel territorio, valorizzare il turismo cinematografico, migliorare i collegamenti ed entrare in maniera effettiva nel circuito dei Borghi più belli d’Italia”.

I progetti in attesa di finanziamento sono per un centro servizi in grado di offrire alle imprese private servizi finalizzati alla promozione e realizzazione di nuovi programmi di investimento; per la creazione di una struttura di progettazione di opere pubbliche a favore dei comuni soci del Distretto; per la realizzazione di un piano strategico di sviluppo integrato finalizzato alla pianificazione dello sviluppo integrato del territorio del Distretto; per un progetto di promozione del territorio del Distretto e di supporto alla commercializzazione di pacchetti turistici legati alle strutture ricettive convenzionate. Progetti in possesso già del parere favorevole del Nucleo di Valutazione della Presidenza della Regione Sicilia e del soggetto Istruttore del Mise.

I progetti in itinere, vale a dire presentati ed approvati a valere sui fondi del PO-FESR 2007-2013 della Regione Siciliana, non finanziati per insufficienza di fondi nella specifica misura, da recuperare con i fondi 2014-2020, sono “La voce delle rovine”, “Le porte dell’Alcantara”, “Promozione e valorizzazione turistica del Polo d’attrazione “Etna” nel Distretto Taormina Etna”.

Ci sono poi i progetti ‘comunitari diretti’ che prevedono il progetto Etna con partner quali Bike experience Mallorca (Spagna), Comune di Rodi (Grecia), Strada del Vino Val di Noto, Regione Sicilia e altri tre; nonché il progetto già approvato, Distribuzione urbana delle merci con partner il Prometni Istitut Lubiana (Slovenia); progetto Blue Islands con partner quali Ministero dell’Ambiente di Cipro, Comune di Rodi (Grecia), Regione di Creta (Grecia), Comune di Mykonos (Grecia), Comune di Gorski (Croazia), Regione Sardegna, Università di Barcellona (Spagna), Università Internazionale Scienze Marine (Italia), Comune di Mallorca (Spagna), Regione Baleari (Spagna) e altri tre; e ancora il progetto ITS Etna con Bologna come partner.