Good News > TAORMINA FILMFEST – Riflettori puntati su Richard Gere

TAORMINA FILMFEST – Riflettori puntati su Richard Gere

Schermata 2015-06-17 alle 16.24.45

Al Taorminina FilmFest il protagonista di oggi è Richard Gere. Gere, da poco nelle sale italiane con “Ritorno a Marigold Hotel”, è attualmente impegnato nelle riprese del nuovo film del regista israeliano Joseph Cedar “Oppenheimer Strategies”, un thriller drammatico che segue le vicende di un piccolo operatore, la cui vita cambia radicalmente quando un amico politico diventa di colpo un leader mondiale.

Il Campus è con Antonello Venditti che ha spesso collaborato anche con autori del nostro cinema tra cui Carlo Verdone per cui ha composto la colonna sonora di “Troppo forte”.

Per l’apertura della giornata un evento speciale dedicato a una storia di riscatto femminile con “Brave Miss World”, il documentario di Cecilia Peck che sarà presente in sala. La protagonista, Linor Abargil, è stata tenuta prigioniera, accoltellata e violentemente stuprata sei settimane prima di ottenere il titolo di Miss Mondo. La regista Cecilia Peck l’ha seguita per oltre 4 anni realizzando un film che esplora il trauma della violenza sessuale attraverso il viaggio di una giovane donna, da adolescente vittima di stupro, ad avvocato attivista e a vincitrice di Miss Mondo.

In Concorso: “Gluckauf / Son of Mine” (Olanda, 2015) di Remy van Heugten, un dramma ambientato in una periferia olandese impoverita dopo la chiusura delle miniere, sul rapporto tra un padre e un figlio tra omicidi, furti e trasporto di droga. La proiezione sarà preceduta da: WorldWildWeb – Vegan Chronicles di Andrea Morabito e Claudio Colica.

Eva & Leon (Francia, 2015), scritto e diretto da Emilie Cherpitel e interpretato da Clotilde Hesme, una commedia sull’improbabile incontro tra una imprevedibile trentacinquenne senza figli e un bambino molto maturo per la sua età. Due solitudini che si incrociano nel momento più opportuno: Leon cerca una madre mentre Eva ha bisogno di dimenticare il suo passato.

Per il Grande cinema al Teatro Antico viene presentato fuori concorso “Hot Pursuit” (Usa, 2015) di Anne Fletcher con protagoniste Sofia Vergara e la vincitrice del premio Oscar Reese Witherspoon per “Walk the Line/ Quando l’amore brucia l’anima”. Nel film una poliziotta integerrima e attenta alle regole (la Witherspoon) dovrà proteggere la sexy ed estroversa vedova di un boss della droga (Vergara), in fuga attraverso il Texas e braccate da poliziotti corrotti e tiratori scelti.

Prosegue la collaborazione tra il TaorminaFilmFest e Istituto Luce-Cinecittà con quattro film presentati nella sezione Punto Luce – l’Italia raccontata dall’Archivio Luce. Nella giornata del 17 giugno viene proiettato “L’ultima voce. Guido Notari” (Italia, 2015) di Enrico Menduni, che sarà presente in sala. Il film riscopre il formidabile personaggio di Guido Notari, attore e voce radiofonica che per 25 anni ha raccontato l’Italia negli anni del fascismo.

In anteprima mondiale “Sicilia ’43” di Folco Quilici (Italia, 2015) in si cui narra lo sbarco americano in Sicilia che ha cambiato la storia italiana. Il documentario Quilici è inoltre in concorso per la sezione Filmmaker in Sicilia per cui concorre al Premio Cariddi.

Fausto Brizzi e Teo Teocoli sono al Festival di Taormina per Pre-visioni – Lavori in corso per parlare dei loro prossimi progetti.

Continua il Focus Cuba con “Juan de los muertos” (Cuba, 2011) di Alejandro Brugués, uno zombie movie che, con un budget di oltre 2,5 milioni di dollari, è il progetto più costoso mai realizzato dalla cinematografia cubana.

Continuano le serate dedicate al sociale. Dopo L’AIL, associazione italiana attiva da oltre quaranta anni nella lotta contro le malattie del sangue, e la Fondazione Telethon assieme a Daybreak Children’s Rare Disease Fund, due organizzazioni che lottano per la ricerca e la cura delle malattie genetiche rare, mercoledì 17 giugno la serata è dedicata alla regista Cecilia Peck e WeWorld, organizzazione no profit italiana che da oltre 15 anni garantisce i diritti dei bambini e delle donne più vulnerabili in Italia e nel Sud del Mondo attraverso progetti per l’istruzione, la salute e la protezione da violenze e abusi.