Good News > TAORMINA FILMFEST – Istituto Luce-Cinecittà porta a Taormina lo sguardo sulla memoria del Paese

TAORMINA FILMFEST – Istituto Luce-Cinecittà porta a Taormina lo sguardo sulla memoria del Paese

La collaborazione tra il Taormina Film Fest e Istituto Luce-Cinecittà si approfondisce quest’anno con quattro film, presentati dal Luce a Taormina. Quattro nuovi racconti accomunati dallo sguardo sulla memoria del Paese, e su episodi fondanti, inediti e particolari del nostro spettacolo. Dalla Sicilia ’43, di un viaggiatore unico del documentario come Folco Quilici, in concorso nella sezione Filmmakers in Sicilia, alle tre storie di cinema del Punto Luce: la riscoperta di un personaggio formidabile e dimenticato, il Guido Notari de L’ultima voce di Enrico Menduni; la rivista da cui ‘nacque’ la commedia all’italiana, riletta ne L’imperatore di carta di Fabiana De Bellis; la censura, giudice e insieme testimone di una stagione irripetibile del nostro cinema, in Scandalo in sala di Serafino Murri e Alexandra Rosati. Quattro visioni sorprendenti, quattro files di memoria dal sapore di scoperta.

Sicilia, ‘43 di Folco Quilici

Lo sbarco americano in quella calda estate cambiò il corso della storia italiana. In un giorno i nemici diventarono alleati. E viceversa.

L’ultima voce. Guido Notari di Enrico Menduni

La radio e il cinema celebravano i trionfi del fascismo. Dopo il crollo del regime e la guerra, la radio e il cinema raccontavano le speranze della Repubblica. La voce rimaneva la stessa: quella di Guido Notari, per 25 anni un protagonista assoluto, oggi perso nella memoria.

L’imperatore di carta di Fabiana De Bellis

Nascita, storia e numerose rinascite del Marc’Aurelio, la rivista satirica e la redazione in cui ‘nacquero’ il cinema di Fellini, e la Commedia all’italiana.

Scandalo in sala, di Serafino Murri e Alexandra Rosati

Quarant’anni di storia del Paese e di “attentati” cinematografici all’immagine dell’Italia stabilita dal Potere. Con le parole di Moretti, Bertolucci, Bellocchio, Vittorio Taviani, e il racconto di un cinema che sapeva coinvolgere il pubblico fino a toccarne l’inconscio collettivo.