Good News > “Picasso” e Università di Catania: al via nuove sinergie

“Picasso” e Università di Catania: al via nuove sinergie

“Picasso e le sue passioni” si arricchisce di nuove sinergie per promuovere un progetto che vedrà Catania protagonista di grandi iniziative culturali internazionali. Comediarting e III Millennio che insieme al Comune di Catania sono gli organizzatori della mostra, ospitata fino al 28 giugno al Castello Ursino, hanno raggiunto un accordo di collaborazione con l’Università degli Studi di Catania che ha visto come primo step la firma con il Rettore Giacomo Pignataro di una convenzione riservata agli studenti, ai docenti e ai dipendenti dell’Ateneo etneo. Presentando al botteghino il tesserino di riconoscimento che certifica l’appartenenza all’Università si potrà usufruire di una riduzione del prezzo d’ingresso. Studenti, docenti e dipendenti accederanno alla mostra “Picasso e le sue passioni” pagando 5 euro anziché 9,50 euro.
“La convenzione con l’Università degli studi di Catania che riserva uno sconto sul prezzo del biglietto – commentano gli art promoter Gianni Filippini e Francesca Silvestri – è soltanto il primo passo di un’iniziativa che prevede la partecipazione attiva dell’Ateneo con stages e progetti scientifici. Abbiamo già formulato al Comune di Catania una proposta per l’organizzazione di tre grandi mostre e siamo convinti che per generare gli effetti moltiplicatori necessari sul territorio sia indispensabile pianificare e programmare le attività concertando le azioni necessarie con i player di riferimento del mercato come le Istituzioni, l’Università, i tour operator e le associazioni di categoria. L’Università di Catania può svolgere un ruolo di fondamentale importanza nella progettazione di un cluster che abbia come mission principale quella di generare le condizioni per implementare gli effetti moltiplicatori necessari sul territorio con un considerevole aumento del P.I.L. e della reputazione di questa città”.
“Picasso e le sue passioni”, a cura di Dolores Duran Urcan e Stefano Cecchetto, continua a coinvolgere e si appresta a tagliare il traguardo dei 30.000 ingressi. Del grande artista in mostra quasi 300 opere tra vasi, piatti, brocche, mattonelle dipinte, importanti opere su carta e tre opere uniche, di cui due oli e una gouache. Si tratta di opere provenienti per la maggior parte da prestigiose raccolte private di tutto il mondo e dal museo di Mija Malaga, noto per la ceramica.
Il percorso è inoltre arricchito da Picasso in the cube (politic passion), un’istallazione multimediale interattiva che racconta il rapporto dell’artista con la politica e i riflessi che questa ebbe sulla sua arte.
La mostra, con un percorso completo di opere del grande artista, intende illustrare, nei suoi contenuti più autentici, i temi e le passioni che hanno dato vita alla creatività di Picasso e ne hanno influenzato la vicenda umana e quella artistica. Il teatro e il circo, la tauromachia, le donne e la politica sono state per tutta la sua carriera argomenti di ricerca portante nella sua complessa cifra stilistica. Unico artista del ‘900 che ha saputo trattare tutte le tecniche ascrivibili al mondo dell’arte, Picasso ha conquistato il titolo di Genio proprio perché non si è mai fermato davanti a nulla, mettendosi in gioco e sperimentando fino alla vecchiaia.
Picasso riesce ad infondere anche nella grafica le atmosfere pittoriche dei suoi periodi. L’attività incisoria dell’artista è stata sempre molto intensa, perché ne ha compreso subito la versatilità e la non ordinarietà delle soluzioni che si possono raggiungere.
In mostra alcune serie d’incisioni: La Suite des saltimbanques (1913) 14 incisioni acquaforte e puntasecca, Il Tricorno (1920) 33 incisioni bulino e collotype, I Venti Poemi di Gongora, (1958) 41 incisioni acquaforte e acquatinta allo zucchero, Carmen (1949) 40 opere incisioni a bulino, Tauromachia (1959) 27 opere acquatinta allo zucchero e puntasecca, Barcelona Suite (1966) 5 incisioni litografia a colori, La Célestine, (1971) 68 incisioni acquaforte e acquatinta.
La mostra è visitabile tutti i giorni (fino al 28 giugno 2015) presso il Castello Ursino di Catania in Piazza Federico II di Svevia.
Gli orari di apertura sono: dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 19.00, il sabato dalle ore 9.00 alle ore 23.00 e la domenica dalle ore 9.00 alle ore 22.00. La biglietteria chiude dal lunedì al venerdì alle ore 18.00, il sabato alle ore 22.00 e la domenica alle ore 21.00.