Good News > MUSICA – “La porta d’Oriente” in Sicilia

MUSICA – “La porta d’Oriente” in Sicilia

Nel solco del folk contemporaneo e della contaminazione fra le culture balcanica, asiatica e mediterranea – che nella musica ritrovano e intrecciano le proprie radici – arriva in Sicilia Mediorkestra, inedita formazione che per I ART riunisce musicisti greci, bulgari, turchi e siciliani. Il concerto ad ingresso libero s’intitola “La Porta d’Oriente”. Debutta a Ragusa Ibla giovedì 21 maggio, a seguire sarĂ  in tournĂ©e il 22 a Castelvetrano, il 23 a Favignana e il 24 a Catania, ed è una proposta dell’Associazione Darshan per il cartellone del Festival I ART, il grande contenitore di eventi multidisciplinari che fa parte dell’omonimo progetto comunitario, con capofila il Comune di Catania. Mediorkestra è una formazione originale costituita da artisti, musicisti, e interpreti provenienti da svariati paesi e culture riuniti in Sicilia nel nome di I ART. Dentro Mediorkestra troveremo la vocalitĂ  mediorientale e il fascino di Sonja Drakulich, leader del progetto Stellamara, bulgara/ungherese di nascita, naturalizzata statunitense. Il violino, il bouzouki e la voce greca di Nektarios Galanis, artista polistrumentista virtuoso e poliedrico, che ama spaziare dal folk alla world music, conosciuto da oltre un decennio per la sua presenza nel progetto Nakaira, con cui ha realizzato tre album e tournĂ©e in tutto il mondo. I fiati del greco Apostolos Kyrgidis. Le percussioni classiche del turco Osman Oksuzoglu e infine i plettri dei siciliani Saro Tribastone e Carmelo Siciliano, entrambi impegnati da anni nella ricerca di sonoritĂ  e innovazioni stilistiche nell’ambito delle tradizioni del Mediterraneo. Tutti insieme, per I ART, costruiranno un progetto unitario che esplorerĂ  i confini della world music partendo dalle musiche tradizionali dell’Asia Minore, passando per i Balcani ed approdando in terra di Sicilia.