Good News > Premio Rotondi, anche un siciliano tra i “Salvatori dell’arte”

Premio Rotondi, anche un siciliano tra i “Salvatori dell’arte”

Tra i nomi dei nuovi “Salvatori dell’arte”, vincitori del “Premio Rotondi” assegnato nella Rocca ubaldinesca di Sassocorvaro (nel Montefeltro marchigiano) e giunto alla sue 19esima edizione, c’è anche quello di Antonio Presti, ideatore e realizzatore della Fiumara d’Arte, dell’albergo-museo Atelier sul Mare a Castel di Tusa, della Porta della Bellezza a Librino, nonchĂ© di una serie di progetti artistico-culturali volti alla condivisione della bellezza e alla riqualificazione delle periferie, «per affrancare la cultura della legalitĂ , della tutela e della bellezza condivisa». Ad Antonio Presti è andato il premio speciale per il mecenatismo, intitolato a Pasquale Rotondi (Arpino 1909 – Roma 1991), storico dell’arte italiano noto per aver salvato durante la seconda guerra mondiale circa diecimila opere d’arte dalla distruzione e dal saccheggio: «Ad Antonio Presti – si legge nelle motivazioni – che crede nella politica del dono, della condivisione e della valorizzazione e la esercita… con l’obiettivo di trasformare luoghi, territori e coscienze attraverso l’educazione alla bellezza».